mercoledì, 17 maggio 2017, dalle ore 20,30

TiAmoDaMorire_17052017

 

TI AMO DA MORIRE ONLUS
presenta

Lucia non cade

il romanzo di Chiara Borghi

 

letture drammatizzate di

M. Concetta Liotta, Martina Marone, Emiliano Frabetti

 

a seguire spettacolo musicale con

Stefania D'Ambrosio, Michele Micarelli, Stelio Gicca Palli

 

In occasione della serata verranno esposte le opere del giovane artista Marcello Del Prato.

 

dalle 20.30 Aperitivo Cena con buffet €10,00 (drink incluso)

dalle ore 21.30 Presentazione Editoriale e Spettacolo nella sala teatro,
Ingresso Libero

 

Sinossi: Lucia viene stuprata nella notte da uno sconosciuto e da quel momento tutto cambia. In un dialogo serrato con una se stessa che stenta a riconoscere ma che non può fare a meno di ascoltare, quasi ipnotizzata, ben presto si fa strada nella sua mente un freddo e assurdo piano di vendetta.

Solo uccidendo il mostro potrà ritrovare la pace. Denunciare non servirebbe. Non le crederebbero. Usciva da una discoteca. Indossava una gonna. L’aveva di certo provocato lei, quell’uomo. Così direbbero. E lei sarebbe di nuovo sola, sola con il proprio dolore, con il proprio odio.
Intensa e drammatica, la voce di Lucia diventa quella di tutte le donne vittime di violenza, in una vicenda che non lascia indifferenti ma che, per la profondità con la quale viene narrata, colpisce dritto al cuore e allo stomaco.

 

Chiara Borghi

È nata a Finale Ligure (sv) nel 1981. Ha studiato a Genova, dove si è laureata in Filosofia, e a Milano, dove ha frequentato il master Professione.tv con Alessandro Ippolito, divenendo sceneggiatrice televisiva e cinematografica. Dopo alcune esperienze come insegnante di storia e filosofia nei licei e dopo aver gestito per due anni un laboratorio teatrale rivolto a persone con disagio psichico all’interno dell’associazione “A cielo Aperto”, si è trasferita a Roma. Ha fondato e dirige “La bottega dello scrittore”, associazione culturale che si occupa di letteratura, teatro e drammaturgia, e tiene corsi di scrittura creativa e filosofia per vivere meglio presso la U.P.T.E.R.

È autrice dei romanzi Drake’s Heaven (Edizioni Joker, Novi Ligure 2001) e Il tempo è scaduto (Edizioni Joker, Novi Ligure 2007).

 

Maria Concetta Liotta

Attrice professionista, membro stabile della Compagnia Teatrale Enter si è  specializzata nel linguaggio corporeo e nella sua resa psicofisica , lavorando in luoghi di disagio sociale e psicofisico ( rebibbia , casa-famiglia , tossicodipendenti). Per la Bottega dello scrittore si occupa dei laboratori di mimo ed espressione corporea.

Martina Marone

Attrice acrobata, formatasi al teatro di Tor Bella Monaca ha per definizione a cuore l'educazione estetica e teatrale nelle periferie. Fa parte della compagnia del teatro delle anime. E' nel consiglio direttivo de La bottega dello scrittore.

 

Emiliano Frabetti

Attore non professionista, formato principalmente alla U.P.T.E.R, ha preso parte ad alcuni spettacoli organizzati dall'associazione La bottega dello scrittore, per la rivalutazione dei luoghi della Roma sparita.

 

Stefania D’Ambrosio

Raffinata interprete della canzone d’autore, ha collaborato con il grande cantautore genovese Umberto Bindi a cui era legata da profonda amicizia.

Nel 2013 presentò all’Auditorium Parco Della Musica “Sulle note di Umberto Bindi” dedicando l’intero concerto al cantautore, progetto tuttora  in programmazione in altri teatri.

Dopo i successi del tour “Dentro un Sogno” (in viaggio con la canzone d’autore) portando concerti nei teatri d’Italia e all’estero per ben sette anni con grandi soddisfazioni, Stefania D’Ambrosio con la sua voce delicata e sensuale ricca di sfumature e di spiccata eleganza, inizia un nuovo viaggio il 2 maggio 2016 all’Auditorium Parco Della Musica con un suo nuovo progetto “Una voce libera” l’artista spazierà da Paolo Conte al fado, dalla canzone medioevale francese a Emerson Lake & Palmer,  da Branduardi a Dulce Pontes. Nell’intrigante viaggio anche brani inediti. Gli arrangiamenti sono curati da Michele Micarelli.

 

Stelio Gicca Palli

Avvocato per professione,  cantautore per vocazione, è noto ai più per aver firmato con Edoardo De Angelis Lella,  celeberrima ballata su un femminicidio. Dopo il brillante esordio al fianco dell’amico Edoardo,  compagno di banco oltre che di musica, Stelio ha virato bruscamente verso l’attività forense,  pur senza smettere mai di scrivere e di fare musica. Con la piena maturità è tornato a racimolare pensieri e versi e ha deciso di tornare a regalare canzoni al proprio pubblico con Corpi estranei – vol.I., Corpi Estranei vol.I (label Helikonia, dictr. Egea) è un cd intenso di immagini e storie di uomini e di donne: città,  amanti,  mogli e mariti con cui la vita quotidiana ci obbliga a convivere,  combattuti fra una lucida analisi del reale e il tentativo,  sotterraneo ed illusorio,  di trasformare queste realtà in quello che vorremmo fossero, Stelio osserva tutto ciò con uno sguardo particolarmente lucido servendosi di arrangiamenti raffinati che offrono leggerezza ed ironia al dipinto dei suoi protagonisti. Al suo fianco, in questo viaggio fra parole e musica,  musicisti dello spessore di: Primiano De Biase al piano,  Fabrizio Guarino alle chitarre,  Marco Siniscalco al basso,  Cristiano Micalizzi alla batteria,  Carlo Di Frescesco e Simone Talone alle percussioni,  Daniela Iezzi back vocals., I testi e le musiche sono di Stelio Gicca Palli. Tranne per La Dama di Cuori il cui testo Gicca Palli ha scritto con Claria Miozzi; Abitudine scritto,  sempre per il testo,  con Edoardo De Angelis come,  naturalmente,  la celeberrima Lella. Con Primiano De Biase, inoltre, sono state scritte le musiche di Moira Conti. Tutti gli arrangiamenti e l’orchestrazione sono di Fabrizio Guarino e Stelio Gicca Palli. Tranne per l’orchestrazione di Piazza di Spagna. Alle quattro che porta la firma di Michele Braga.

 

Marcello del Prato

Nasce a Roma nel 1997 e frequenta l'ultimo anno di liceo. Ha disegnato e dipinto fin da bambino, più per istintiva necessità che per volontà razionale, ha usato, soprattutto negli ultimi anni, svariate tecniche figurative. Il suo interesse principale è quello della figura umana, non si stanca mai delle infinite espressività del volto, alla ricerca costante di bloccare il continuo movimento dell'inconscio. In questo periodo lavora principalmente in bianco e nero perché non vuole che le emozioni provocate dal colore distraggano dalla figura. Ha esposto, quest'anno, in una mostra allestita presso il teatro Vascello di Roma, e ha creato loghi e grafiche per diverse iniziative, tra cui, ad esempio, Quindici19.

 

 

Associazione Ti Amo da Morire ONLUS

http://www.tiamodamorireonlus.it

twitter: @tiamodamorire1

facebook: Associazione Ti Amo da Morire ONLUS


L’Associazione Ti Amo da Morire Onlus, persegue finalità di solidarietà sociale nei confronti di persone svantaggiate, in via primaria, attraverso uno “Sportello dʼAscolto Legale e/o Psicologico – Ti ascolTiAmo da Morire” dedicato a tutte le donne che si trovino sul territorio nazionale che, al di là della loro condizione sociale, culturale ed economica, subiscano, sia in ambito familiare che extrafamiliare, qualsiasi tipo di maltrattamento fisico o psichico quali ad esempio, violenza, sfruttamento, stalking, mobbing familiare, emarginazione e discriminazione, atti questi spesso preludio del ben più grave FEMMINICIDIO, nonché ai minori, appartenenti al nucleo familiare in sofferenza, vittime, sia pur in modo riflesso, di qualsiasi tipo di maltrattamento fisico o psichico nella loro condizione di soggetti svantaggiati.

 

Lo sportello d’ascolto fornisce consulenze qualificate e supporto tecnico da parte di avvocati, psicologi, sociologi e assistenti sociali, al fine di individuare i loro bisogni e fornire le prime risposte, mediante il numero verde 800-642328, operativo in giorni e a orari stabiliti a cura delle figure professionali sopracitate; in questo ambito l’associazione si propone, inoltre, di indirizzare i soggetti sottoposti a maltrattamenti, che a essa si rivolgono, in caso di necessità e al fine di sottrarle all’imminente pericolo, verso associazioni similari fornite di strutture protette per l’accoglienza, che avrà cura di individuare, siano esse private o pubbliche, sia in ambito regionale quanto in ambito nazionale.

 

L’associazione garantisce la gratuità dei servizi offerti e l’anonimato. 

NUMERO VERDE  800 642328

 

L’associazione si propone, quindi, oltre all’attività concretamente diretta ai soggetti svantaggiati precedentemente individuati, svolta mediante lo sportello d’ascolto legale e/o psicologico – Ti ascolTiAmo da Morire, di creare una Campagna Permanente Contro il Femminicidio volta a:

a) Fare opera di prevenzione, attraverso la cultura, a favore di donne e minori che subiscono violenza fisica, sessuale e psicologica, fuori e all’interno della famiglia, e di donne adulte che subiscono abusi sessuali e maltrattamenti.

b) Indirizzare l’autodeterminazione delle persone migliorando la relazione tra uomini e donne, al fine di rimuovere ogni forma di discriminazione sia essa violenza fisica, psichica, sessuale o economica praticata nei confronti delle donne e dei soggetti deboli facenti parte del nucleo familiare e dare visibilità alla loro forza.

L’associazione, per conseguire tali scopi, si propone tra l’altro:

a) L’organizzazione di convegni, seminari, dibattiti, spettacoli, mostre, concerti e ogni genere d’iniziativa tesa alla sensibilizzazione e prevenzione, all’informazione e all’individuazione della problematica sottesa al femminicidio. Un'azione costante e continuativa, per mantenere alta l'attenzione verso la violenza di genere, nonché lo svolgimento di ogni attività connessa e/o accessoria volta al raggiungimento delle finalità sociali.

L'utilizzo della cultura e di tutte le forme d'arte, perché è su queste che si gioca la partita della sopravvivenza e dello sviluppo sano della nostra società ed è per questo che "Ti Amo da Morire ONLUS" troverà spazi e momenti di riflessione in tutte quelle manifestazioni culturali/artistiche (grandi e piccole) che riuscirà a creare o con cui riuscirà a interagire, predisponendo una nutrita agenda di appuntamenti a livello nazionale. "Ti Amo da Morire ONLUS", diffonderà il proprio messaggio volto, eventualmente, anche alla raccolta di fondi da utilizzare per gli scopi propri dell’associazione, attraverso una ampia agenda di appuntamenti a livello nazionale quali convegni ed eventi così declinabili: CanTiAmo da Morire - ReciTiAmo da Morire - LeggiAmo da Morire - ScriViAmo da Morire - DipingiAmo da Morire - DanziAmo da Morire - DisegnAmo da Morire - FilmiAmo da Morire - FotografiAmo da Morire - PoeTiAmo da Morire - ProgetTiamo da Morire ecc… (sempre da considerarsi quali esempi esplicativi e non esaustivi).

Il progetto intende creare una vasta comunità formata da operatori, artisti, giornalisti, scrittori, registi, filmaker, fotografi, grafici, pittori, attori, intellettuali, filosofi, giuristi, psicologi, sociologi e assistenti sociali ecc… uniti dalla stessa sensibilità e convinti che con l’arte e la cultura ci si possa porre al servizio di un tema sociale così importante veicolandone e amplificandone il messaggio.

 

"Ti Amo da Morire ONLUS" si concentra sul tema con un’ulteriore iniziativa di genere con CantTiAmo da Morire che, con le stesse modalità, raccoglie intorno a sé il mondo della musica tutto, ed in particolare tutti gli artisti (cantanti, cantautori e musicisti) che aderiranno alla sensibilizzazione sociale mettendosi a disposizione con la loro musica e attività.

"Ti Amo da Morire ONLUS" è un amplificatore di informazioni, è l’occasione per poter promuovere iniziative artistiche e culturali (mostre, concerti, rassegne, presentazioni librarie, appuntamenti didattici ecc…) e allo stesso tempo lasciare una traccia indelebile del tema primario, ovvero la lotta contro la violenza sulle donne, preludio al FEMMINICIDIO.

"Ti Amo da Morire ONLUS" mira alla comunione d’intenti e al raggiungimento di una densità di attività che, finalmente connesse, aumentano la loro forza di penetrazione nel tessuto sociale. E’ un progetto multidisciplinare che tende a coinvolgere, a creare consensi attivi, a informare, a trasformare una semplice adesione in un atto utile al conseguimento degli obiettivi primari. "Ti Amo da Morire ONLUS" adopera tutti i mezzi a sua disposizione per veicolare le informazioni, creare attesa, promuovere appuntamenti e per questo usa anche il web 2.0 affinché il meccanismo di “comunicazione condivisa”  permetta, tramite la socializzazione, di tener vivo un dibattito e ancora di più un consenso diffuso. Per questo "Ti Amo da Morire ONLUS" è dotata di un sito web, di una pagina ufficiale Facebook, di un account Twitter, di un account Google +.

"Ti Amo da Morire ONLUS" segue diverse linee di azioni distinte ma sempre connesse, oltre a quella primaria dello “sportello d’ascolto legale e/o psicologico "Ti ascolTiAmo da Morire”. L’attività successiva è rivolta a campagne istituzionali (nazionali e locali) in cui il messaggio viene promosso attraverso mezzi multimediali (web, video, convegni ed eventi online) e convenzionali (convegni, manifesti, merchandising); a seguire c’è quella di supporto a iniziative già esistenti tramite la promozione dell’evento; infine vi è quella di organizzare direttamente eventi a supporto dell’agenda delle attività generali.

 

Il logo: due palmi di mani protese a proteggersi da un atteggiamento violento e la scritta Ti Amo da Morire, dove la scritta MORIRE viene celata in parte da alcune rose rosse, notoriamente fiori che simboleggiano la passione, a voler indicare l'amore quale scusa per procurare la morte di chi si afferma di amare.

TiAmoDaMorire_logo