martedì, 17 gennaio 2017, dalle ore 20,30

ti-amo-da-morire_17012017

 

TI AMO DA MORIRE ONLUS
presenta

 

Irene Wolodimeroff e il suo libro

Nina

 

a seguire:

Ho visto Nina volare

canzoni e poesie

con Rossella Seno, Giovanni Samaritani, Lino Rufo

con la partecipazione speciale di Silvia Nebbia


Dalle 20.30 alle 21.30 Aperitivo Cena con buffet €10,00 (drink incluso)
Selezione dei Vini di Luca Maroni

 

ore 21,30 Presentazione Editoriale e Spettacolo nella sala teatro

 

INGRESSO LIBERO

 

“...il libro della Wolodimeroff non è solo la storia della vita difficile

e confusa di una donna con alle spalle un’infanzia fatta di una madre, Anna Clara, ricca marchesa romana amante dell’arte e dell’ideologia comunista, «sempre senza sorriso» e che non parlava con lei, oltre che di un padre assente, il principe russo Nikolay, che si era costruito un futuro altrove e che pure lei avrebbe voluto più vicino. E’ soprattutto la denuncia di quanto profondamente può segnare la vita al fianco di un uomo violento, Maurizio, conosciuto quando la protagonista è già una madre quarantenne dell’Olgiata (quartiere residenziale e benestante di Roma) e dal quale non riesce a staccarsi se non dopo anni di soprusi e della costante demolizione della sua dignità. E’ lo spaccato triste di una donna, che rappresenta tante altre donne, che non riesce a reagire, che diventa schiava di quella prepotenza, che si sottomette e si nega pur di compiacere e placare l’indole iraconda e schizofrenica di quell’uomo che all’inizio le pare gentile e garbato, e che piano piano diventa un Orco. I tentativi di riprendere in mano la propria vita ci sono, ma senza convinzione e dopo poco l’attrazione per «il male» prevale e lei torna più volte, come e peggio di prima, tra le braccia del suo carnefice... (Lucia Pozzi per ilMessaggero Spettacoli e Cultura)”

 

L’autrice, sarà lieta di illustrare il suo lavoro e di intrattenere un breve dibattito con gli astanti.

A seguire lo spettacolo “Ho visto NINA Volare” il cui titolo trae spunto da una nota canzone di De Andrè. Si alterneranno, in un crescendo di emozioni, tra parole e canzoni, Rossella Seno, Giovanni Samaritani e Lino Rufo; la serata sarà arricchita dalla partecipazione speciale di Silvia Nebbia.

 

Irene Wolodimeroff

Nasce a Roma da padre russo e madre romana. Studia e vive tra Roma e Parigi dove viveva suo padre. Si sposa molto giovane ma il suo matrimonio, dal quale sono nate tre figlie, finisce dopo pochi anni. Si risposa nel 2002, con il suo attuale marito, dal quale ha avuto altri due figli.

Nel 2014 si dedica alla scrittura di questo libro, il suo esordio, che verrà pubblicato nel novembre del 2016. La sua sensibilità la porta a scrivere, traendo spunto dai sempre più consueti fatti di cronaca, di donne che si trovano a subire violenze fisiche e morali, costrette a vivere nella paura. Il libro, che ha una narrazione fluida e scorrevole, si legge tutto d’un fiato e consente al lettore di girare nella storia assieme ai suoi personaggi creando un processo empatico che non consente, in alcuni punti, di trattenere le lacrime di commozione. La grande sensibilità, disponibilità per chi ha di fronte e lo spirito di solidarietà femminile di Irene, la portano a collaborare con l’Associazione Ti Amo da Morire Onlus, infatti, oltre a partecipare agli eventi di sensibilizzazione sul tema della violenza di genere ha anche inserito, sia sulla IV di copertina che sul colophon del suo libro, il Marchio distintivo della Onlus.

 

Silvia Nebbia

Frequenta la Civica del Piccolo Teatro di Milano. Attrice, autrice, regista, cantante e conduttrice di Radiorai, è figlia d’arte (Franco Nebbia, un “Pater” del cabaret italiano).          In teatro ha debuttato con i Giovani Milanesi per le scuole e in cabaret con le canzoni di Umberto Eco, Laura Betti, Paolo Poli. E’ stata nel trio comico La Trappola, in esclusiva per RaiDue per 4 anni. Ha lavorato con Carrà, Sabani, Mirabella, Fazio, anche come co-autrice Tv. E’ stata Polly Peachum con Dario Fo. Poi conduttrice di talk show (Teleregione), curatrice di libri e di collane di video teatro (Poltronissima De Agostini).  Collabora con le riviste: Mediterraneaonline.eu e La Rivistaintelligente.it. Per il cinema ricordiamo ruoli con Lina Wertmuller e Marco Ferreri. Con “Laura Betti e le altre- le muse di Pasolini”, arriva alla maturità drammaturgica. I suoi personaggi si ispirano alla cronaca  in un filone di teatro-cabaret di stampo europeo con uno sguardo speciale verso il mondo femminile.

 

Rossella Seno

Cantattrice veneziana, è presente sulla scena teatrale, televisiva e musicale con performance dalla particolare personalità. Spesso è ironica, a volte autenticamente passionale. Frequenta dapprima l’Avogaria di Venezia, poi si trasferisce a Roma continuando studi teatrali e musicali: con Carlo Merlo dell’Accademia Silvio d’Amico, seguendo il “Metodo” con Francesca De Sapio, con Beatrice Bracco, e con Michel Margotta, tutti membri dell’Actor Studio. Attrice protagonista di una o più puntate di fiction e soap televisive. (“La Dott.ssa Giò”, “Carabinieri”, “Il bello delle donne”, “La squadra”, “Un posto al sole”,…) e di uno dei tre episodi dell’opera prima di A. Zaccariello “Boom”, film per il cinema. Guest nell’opera musicale “Com’erano venute buone le ciliegie nella primavera del ‘42” di Mario Castelnuovo assieme a Lina Werthmuller ed Athina Cenci. E’ “one woman show” ne “La Rossa di Venezia” al Piccolo Ambra Jovinelli di Roma, spettacolo di Teatro-Canzone scritto con Giò Alajmo e diretto da Claudio Insegno. Con “Sex in the city”, versione teatrale italiana della nota serie televisiva, nel ruolo di Monica (Miranda) riconferma le doti di attrice di carattere, ottenendo un successo di critica e pubblico. Nel recente film “Adius” di Ezio Alovisi, dedicato al cantautore Piero Ciampi, ne interpreta “L’amore è tutto qui”, con una intensa modalità di ‘recitar-cantando’ guidata e accompagnata dal M° Lilli Greco. Rimane nella progettualità articolata e multimediale dello stesso film ed è protagonista del curioso e innovativo “Adius: AvantFilm, due storie con finale mobile” , sorta di reading teatral-musicale che mescola immagini suoni evocazioni e curiose scoperte letterarie. Dall’ esperienza cinematografica e teatrale di “Adius” ecco le tracce sonore che compongono l’ep “E il tempo se ne va” – quattro brani ciampiani diretti e arrangiati dal M° Gianni Marchetti, storico autore delle musiche di Ciampi. Il titolo che dà il nome alla registrazione si riferisce ad un inedito che è stato presentato e interpretato da Rossella Seno in anteprima al premio Ciampi 2008, meritandosi un Premio Speciale ed inserito nel package “Piero Ciampi e le sue storie” – Sony Music, uscito il 19 gennaio 2010. Voce narrante per il 150° Anniversario dell’Unità d’Italia nella rappresentazione teatrale per le scuole “Evviva l’Italia”, testo di Giampiero Darini. E’ stato nel frattempo presentato all’Arciliuto di Roma, all’interno della rassegna “Per chi suona la campana”, il recital “Ah, Piero Ciampi”, canzoni, testi poetici, video, registrazione della voce stessa di colui che ebbe “tutte le carte in regola per essere un artista”, con Giuliano Valori al piano e Andrea Esposito alla chitarra, un trio molto liquido, aperto, “jazzy”… La presentazione della compilation “Cosa resta di Piero Ciampi”, che raccoglie contributi dei tanti artisti che negli ultimi anni hanno realizzato omaggi al grande artista livornese, tra cui l’inedito “E il tempo se ne va”, cantato da Rossella Seno, è avvenuta Il 19 ottobre 2012 al Teatro C di Livorno. Fa inoltre parte del progetto “Il cielo degli orsi”, avviato dal cantautore Paolo Fiorucci, in favore della tutela dell’orso, con “Luna su di me”, di Fiorucci-Germini. Il 12 dicembre 2013 ha debuttato al Teatro Arciliuto di Roma con “Cara Milly” - parole d'amore e di guerra già cantate da Carla Mignone, compitate in bell'ordine da Giuseppe De Grassi. Dal 16 maggio 2014 il brano “Luna su di me“, edito dalla CNI, è acquistabile su iTunes. Parte dei proventi andranno ad Animals Asia per la liberazione e la protezione degli orsi della luna dalle fattorie della bile. Nel settembre 2014 è coinvolta nel progetto “Ti amo da morire” - campagna contro il femminicidio (Artisti vari) Dal 2007 al 2014 é stata una delle voci di Prima Pagina del Tg5. Il 19 settembre 2015 partecipa ad “Animal Aid Live” , Roma – Piazza del Popolo, il primo concerto in favore dei diritti di tutti gli animali. Testimonial di Ti Amo da Morire ONLUS.


Giovanni Samaritani

Figlio di artista, si laurea in Economia e Commercio alla LUISS di Roma, ma contemporaneamente matura la sua inclinazione nel campo artistico come attore e cantante. Nasce a Roma nel marzo del ‘62 ed inizia a cantare n da molto piccolo seguendo l’esempio del padre accompagnandolo come seconda voce in numerosi concerti spesso all’estero nei paesi europei e nelle americhe, per ambasciate e centri culturali italiani. Durante gli studi universitari in Economia e Commercio presso la LUISS di Roma, avvantaggiato anche dalla buona conoscenza della lingua inglese, inizia a lavorare come attore in lms di produzioni straniere (BBC, Empire Studios, MGM). Alternando ruoli manageriali in importanti società di comunicazione Publitalia ’80, Inno n Holding, Prestrojca srl.

Nel 1989 fonda assieme ad amici un gruppo musicale vocale che prende il nome di “Gruppo Arciliuto” e al quale si dedica anche per la promozione, organizzazione e pubbliche relazioni. Con il gruppo musicale inventa un format di spettacolo che anticipa il concetto di “Karaoke” e che lo porterà velocemente alla notorietà.

Nel 1991 il Gruppo Arciliuto approda sul palcoscenico del Teatro Parioli, facendo concerti per tutta la stagione teatrale, ed è presente in molte puntate del Maurizio Costanzo Show su Canale 5, reti Mediaset. A seguire è nel cast della trasmissione televisiva quotidiana a striscia “Festa di Compleanno” su Tele MonteCarlo. Partecipa all’EuroFestival, 36° concorso della canzone in Eurovisione. Dal 1992 al 1994, alterna impegni come cantante, con il Gruppo Arciliuto, e come attore per lms italiani (es. “Le mele marce” regia R. Festacampanile) e trasmissioni televisive (varie puntate per il programma “Lezioni d’amore” regia Muccino e Leoni ed altre interpretazioni minori. Nel 1996 il Gruppo Arciliuto partecipa su RAI 1 nel cast di “Domenica In” diretta da Mara Venier.

Dal 1997 in poi si dedica principalmente al teatro avvicinandosi al settore non solo come artista, ma anche come gestore/amministratore/produttore. Inizia partecipando in commedie assieme ad emergenti attori comici (Gabriele Cirilli, Antonio Giuliani, Stefano Fabrizi) e poi partecipando in spettacoli di tournee in tutta Italia (“Fiore di Cactus” regia S. Giordani, “Il malato immaginario” regia S. Salvati, “Maria Stuarda” regia G. Sepe, “Liliom” regia M. Panici, “America” regia M. Scaparro). Nel 2001 è direttore del Teatro Eliseo di Roma. Dal 2001 al 2014 si interessa anche dello spazio teatrale e musicale fondato dal padre Enzo Samaritani, “Teatro Arciliuto” di Roma, per il quale inizia a curarne la direzione artistica, pur mantenendo la sua presenza come cantante, attore e produttore artistico.

Continua così ad esibirsi con il Gruppo Arciliuto e in recital con altre formazioni musicali partecipando a spettacoli teatrali come attore. Produce lo spettacolo Fred Buscaglione, “L’amico di Fred” di P. Palladino messo in scena in collaborazione con il gruppo musicale romano “ I Buscaja” di e con Federico Scribani e con la regia di Stefano De Sando. Inserisce nella programmazione dello spazio la presenza di spettacoli in lingua inglese stabilmente collaborando con la Ford Entertainment e con English Theatre of Rome ampliando la conoscenza internazionale dello spazio e creandone un luogo di incontri internazionali (nel 2004 il teatro è luogo scelto per la promozione dei voti overseas per le elezioni presidenziali americane Bush/Kerry). Dal 2014 svolge anche attività come libero professionista ricoprendo il ruolo di direzione marketing della “Scientia Group Italia” e per la quale cura il posizionamento e lo sviluppo sul mercato di alcuni brevetti industriali.

Negli ultimi anni, al 2012 ad oggi, oltre agli spettacoli consolidati, come quello del Gruppo Arciliuto, che porta anche all’estero per conto di Ambasciate e Centri Culturali Italiani in Belgio, Kuwait, Marocco, Francia e Cecoslovacchia; ha successo con lo spettacolo “Diario di un pazzo” di Gogol che cura come regista; con lo spettacolo/concerto su Frank Sinatra “I remember Frank” assieme alla Gerardo Di Lella Big Band; assieme a giornalisti della musica Alfredo Saitto e Ernesto Bassignano e gli artisti Lino Rufo e Fabrizio Emigli avvia il progetto “Per chi suona la campana”, rassegna di artisti cantautori giovani e meno giovani.

 

Lino Rufo

Artista molisano, romano d'adozione, opera in campo musicale da oltre due decenni. Nella seconda metà degli anni '70 fa parlare di sé per la Reunion del Naples Power in occasione della registrazione del suo secondo LP "Notte Chiara" che lo fa notare dalla critica musicale italiana e lo mette in mostra come uno degli artisti più promettenti del panorama musicale nazionale. Ed ecco che, sulla scia delle note di "Laura G", "Amore in manicomio", e "Fa' che mi telefoni", Lino Rufo effettua tour massacranti con i Pooh, Vasco Rossi, Alberto Fortis e tanti altri colleghi degni di nota; ottiene gratificanti passaggi televisivi a "L'altra Domenica"; è protagonista di video clip d'autore come quello di "Figlio d'Amore" per la regia di Enzo Trapani posto al “Disco per l'Estate” e la partecipazione al Festival di Sanremo. Poi come se non bastasse, diventa programmatore e conduttore in Rai di trasmissioni importanti come "Radio Anch'io", "Musicalmente", "Disco Incontro" e da alla luce "Ballerina", che è tuttora la sua canzone più conosciuta. Lino Rufo dal ‘97, ad oggi è protagonista di una frenetica attività di musica dal vivo nelle Piazze, Festival Blues Internazionali e Migliori Locali Italiani accompagnato da famosi musicisti italiani. Nel 2008 fonda un gruppo, i noGospel, con cui registra due dischi, Dal Volturno al Mississippi e Swing low..., insieme al nucleo dei quali apre le date italiane del tour mondiale di John Mayall e, in seguito, registra il primo CD di Francesco Pannofino, “Io vendo le emozioni”, con cui è attualmente in tour. Conduce, inoltre, “Per chi suona la campana?” insieme a Giovanni Samaritani ed Ernesto Bassignano presso il Teatro Arciliuto di Roma. Ha all'attivo dodici dischi, tra singoli e album, due film per il cinema e diverse trasmissioni radiofoniche per la RAI.

 

 

Associazione Ti Amo da Morire ONLUS

http://www.tiamodamorireonlus.it

twitter: @tiamodamorire1

facebook: Associazione Ti Amo da Morire ONLUS

 

L’Associazione Ti Amo da Morire Onlus, persegue finalità di solidarietà sociale nei confronti di persone svantaggiate, in via primaria, attraverso uno “Sportello dʼAscolto Legale e/o Psicologico – Ti ascolTiAmo da Morire” dedicato a tutte le donne che si trovino sul territorio nazionale che, al di là della loro condizione sociale, culturale ed economica, subiscano, sia in ambito familiare che extrafamiliare, qualsiasi tipo di maltrattamento fisico o psichico quali ad esempio, violenza, sfruttamento, stalking, mobbing familiare, emarginazione e discriminazione, atti questi spesso preludio del ben più grave FEMMINICIDIO, nonché ai minori, appartenenti al nucleo familiare in sofferenza, vittime, sia pur in modo riflesso, di qualsiasi tipo di maltrattamento fisico o psichico nella loro condizione di soggetti svantaggiati.

 

Lo sportello d’ascolto fornisce consulenze qualificate e supporto tecnico da parte di avvocati, psicologi, sociologi e assistenti sociali, al fine di individuare i loro bisogni e fornire le prime risposte, mediante il numero verde 800-642328, operativo in giorni e a orari stabiliti a cura delle figure professionali sopracitate; in questo ambito l’associazione si propone, inoltre, di indirizzare i soggetti sottoposti a maltrattamenti, che a essa si rivolgono, in caso di necessità e al fine di sottrarle all’imminente pericolo, verso associazioni similari fornite di strutture protette per l’accoglienza, che avrà cura di individuare, siano esse private o pubbliche, sia in ambito regionale quanto in ambito nazionale.

 

L’associazione garantisce la gratuità dei servizi offerti e l’anonimato. 

NUMERO VERDE  800 642328

 

L’associazione si propone, quindi, oltre all’attività concretamente diretta ai soggetti svantaggiati precedentemente individuati, svolta mediante lo sportello d’ascolto legale e/o psicologico – Ti ascolTiAmo da Morire, di creare una Campagna Permanente Contro il Femminicidio volta a:

a) Fare opera di prevenzione, attraverso la cultura, a favore di donne e minori che subiscono violenza fisica, sessuale e psicologica, fuori e all’interno della famiglia, e di donne adulte che subiscono abusi sessuali e maltrattamenti.

b) Indirizzare l’autodeterminazione delle persone migliorando la relazione tra uomini e donne, al fine di rimuovere ogni forma di discriminazione sia essa violenza fisica, psichica, sessuale o economica praticata nei confronti delle donne e dei soggetti deboli facenti parte del nucleo familiare e dare visibilità alla loro forza.

L’associazione, per conseguire tali scopi, si propone tra l’altro:

a) L’organizzazione di convegni, seminari, dibattiti, spettacoli, mostre, concerti e ogni genere d’iniziativa tesa alla sensibilizzazione e prevenzione, all’informazione e all’individuazione della problematica sottesa al femminicidio. Un'azione costante e continuativa, per mantenere alta l'attenzione verso la violenza di genere, nonché lo svolgimento di ogni attività connessa e/o accessoria volta al raggiungimento delle finalità sociali.

L'utilizzo della cultura e di tutte le forme d'arte, perché è su queste che si gioca la partita della sopravvivenza e dello sviluppo sano della nostra società ed è per questo che "Ti Amo da Morire ONLUS" troverà spazi e momenti di riflessione in tutte quelle manifestazioni culturali/artistiche (grandi e piccole) che riuscirà a creare o con cui riuscirà a interagire, predisponendo una nutrita agenda di appuntamenti a livello nazionale. "Ti Amo da Morire ONLUS", diffonderà il proprio messaggio volto, eventualmente, anche alla raccolta di fondi da utilizzare per gli scopi propri dell’associazione, attraverso una ampia agenda di appuntamenti a livello nazionale quali convegni ed eventi così declinabili: CanTiAmo da Morire - ReciTiAmo da Morire - LeggiAmo da Morire - ScriViAmo da Morire - DipingiAmo da Morire - DanziAmo da Morire - DisegnAmo da Morire - FilmiAmo da Morire - FotografiAmo da Morire - PoeTiAmo da Morire - ProgetTiamo da Morire ecc… (sempre da considerarsi quali esempi esplicativi e non esaustivi).

Il progetto intende creare una vasta comunità formata da operatori, artisti, giornalisti, scrittori, registi, filmaker, fotografi, grafici, pittori, attori, intellettuali, filosofi, giuristi, psicologi, sociologi e assistenti sociali ecc… uniti dalla stessa sensibilità e convinti che con l’arte e la cultura ci si possa porre al servizio di un tema sociale così importante veicolandone e amplificandone il messaggio.

 

"Ti Amo da Morire ONLUS" si concentra sul tema con un’ulteriore iniziativa di genere con CantTiAmo da Morire che, con le stesse modalità, raccoglie intorno a sé il mondo della musica tutto, ed in particolare tutti gli artisti (cantanti, cantautori e musicisti) che aderiranno alla sensibilizzazione sociale mettendosi a disposizione con la loro musica e attività.

"Ti Amo da Morire ONLUS" è un amplificatore di informazioni, è l’occasione per poter promuovere iniziative artistiche e culturali (mostre, concerti, rassegne, presentazioni librarie, appuntamenti didattici ecc…) e allo stesso tempo lasciare una traccia indelebile del tema primario, ovvero la lotta contro la violenza sulle donne, preludio al FEMMINICIDIO.

"Ti Amo da Morire ONLUS" mira alla comunione d’intenti e al raggiungimento di una densità di attività che, finalmente connesse, aumentano la loro forza di penetrazione nel tessuto sociale. E’ un progetto multidisciplinare che tende a coinvolgere, a creare consensi attivi, a informare, a trasformare una semplice adesione in un atto utile al conseguimento degli obiettivi primari. "Ti Amo da Morire ONLUS" adopera tutti i mezzi a sua disposizione per veicolare le informazioni, creare attesa, promuovere appuntamenti e per questo usa anche il web 2.0 affinché il meccanismo di “comunicazione condivisa”  permetta, tramite la socializzazione, di tener vivo un dibattito e ancora di più un consenso diffuso. Per questo "Ti Amo da Morire ONLUS" è dotata di un sito web, di una pagina ufficiale Facebook, di un account Twitter, di un account Google +.

"Ti Amo da Morire ONLUS" segue diverse linee di azioni distinte ma sempre connesse, oltre a quella primaria dello “sportello d’ascolto legale e/o psicologico "Ti ascolTiAmo da Morire”. L’attività successiva è rivolta a campagne istituzionali (nazionali e locali) in cui il messaggio viene promosso attraverso mezzi multimediali (web, video, convegni ed eventi online) e convenzionali (convegni, manifesti, merchandising); a seguire c’è quella di supporto a iniziative già esistenti tramite la promozione dell’evento; infine vi è quella di organizzare direttamente eventi a supporto dell’agenda delle attività generali.

 

Il logo: due palmi di mani protese a proteggersi da un atteggiamento violento e la scritta Ti Amo da Morire, dove la scritta MORIRE viene celata in parte da alcune rose rosse, notoriamente fiori che simboleggiano la passione, a voler indicare l'amore quale scusa per procurare la morte di chi si afferma di amare.

TiAmoDaMorire_logo