sabato, 30 settembre 2017, dalle ore 20.30

YNoFueUnaCasualidad_30092017

 

Y no fue una casualidad

Poesia e Musica di Latinoamerica con

 

José Carlos Morgana, interprete

Vincenzo De Filippo, pianoforte, filicorno

Giovanni Campanella, batteria

 

Ore 20,30 - Aperitivo Cena facoltativo, drink euro 10,00.


Ore 21,30 - Concerto nella sala teatro, ingresso intero euro 15,00 - ridotto NewsLetter euro 12,00
Alla NewsLetter del Teatro Arciliuto ci si può iscrivere direttamente dalla home page del website del Teatro oppure dalla pagina FaceBook
Si ricorda che il numero dei posti è limitato ed è preferibile la prenotazione scrivendo a  This e-mail address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it o telefonando al mobile 333 8568464 (phonecall & sms) o al tel. 06 6879419 (dalle ore 18,00 in poi)

 

Serata di presentazione del progetto “Y no fue una casualidad”, poesia e musica di Latinoamerica.

Brani tradizionali e contemporanei, proposti nel contesto di parole, testi e poesie di vari autori di America Latina. Un particolare riferimento in retrospettiva ad alcuni compositori di Venezuela, considerando l’espressione della molteplice identità popolare, ed un omaggio al poeta venezuelano Andrés Eloy Blanco.Musica e testi d’autore, brani di celebri compositori, canzoni tradizionali, brani contemporanei ed inediti, vari generi musicali, accompagneranno lo spettatore in un viaggio di poesia e musica che, in questo progetto, si fondono in un unico insieme espressivo di evocazione del vivere quotidiano in America Latina.

 

 

“Y no fue una casualidad”….. Mirando hacia atrás en el tiempo, es un viaje en poesia y mùsica, recordando autores de varias naciones, anécdotas y peculiaridades…

 

José Carlos Morgana, interprete: Musica d’autore di América Latina, Boleros, Latin-jazz, Musica venezuelana, Voce recitante. Nato in Venezuela, dove inizia studi musicali (E. M. “Pablo Castellanos”; M° L.Pérez, L.López), proseguendo con studi di canto con Carla Marcotulli, a Roma (Actor’s Studio). Studi tematici su tecnica voce, interpretazione e generi musicali: Viggiano Jazz (con C.Marcotulli), "Io Canto", M&M, Tecnica Vocal & Style (con E.Howard), Lab.jazz (SMPT), Jazz workshop & Performance for singers (A.Ciacca&L.Ferrara), Tango Argentino (A.Neri), Musica brasiliana (N.Nori; C.Marss), Latin, Boleros, percussioni minori (V.Paiola), Onda Nueva, Latin jazz (semin.ACMT, V.De Filippo). Nel 2012, primo album intitolato "Así...palabras de usted", con V. De Filippo (pianoforte; arrangiamenti) P. Lancuba (bandoneón). L’album (IRD, International Records Distribution, 2014) include brani di celebri autori di America Latina (Venezuela, Argentina, Messico, Cuba, Brasile). Realizzato con il supporto di Ed. Pagani, include brani del M°Aldemaro Romero. Secondo album attualmente in produzione.Autore del testo di “Y no fue una casualidad”. Co-autore (con V. De Filippo) del brano “No sabrás más de mi”. Interprete del bolero inedito “20 primaveras” della cantautrice A. Domínguez. Collaborazioni in Italia, Spagna, Venezuela, Romania.Recital. Interprete nel Recital "Noche de Tango y Bolero" (con patrocinio dell’ Ambasciata Argentina): un viaggio musicale in America Latina; presentazioni Album “Así…palabras de usted”. Nel 2015; Recital “Retrospectivas”- Omaggio a Tito Rodríguez, percorrendo la storia musicale del Bolero in America Latina. Voce recitante in “El Pueblo Joven” Oratorio di A.Piazzolla e H.Ferrer, per Solista, Voce recitante, Bandoneòn, Coro e Orchestra (2015) con la Filarmonica di Arad (dir. M°R.Salvalaio). Partecipazione a Rassegne; “Res Musica”; Festival "Fuori Tempo", jazz clubs, progetto “Sonora LT” ,"L'amore ai tempi del bolero",  progetto di Musica venezuelana “Guaiquerì urbano” (2016), , con V.De Filippo e G.Campanella.

 

Vincenzo De Filippo, Compositore e Musicista eclettico. I suoi interessi spaziano dalla polifonia rinascimentale alla musica contemporanea, passando per il Tango argentino e il Jazz sia come strumentista che come arrangiatore.
Diplomato con il massimo dei voti all’accademia di Santa Cecilia in Composizione Sperimentale e Lettura della Partitura. Direttore d’orchestra. Ha frequentato numerosi corsi di perfezionamento in vari ambiti tra cui:
Ferienkurse für Neue Musik in Darmstadt nel 2004, Siena Jazz, Roma Jazz’s Cool 2006, Settimana Internazionale del Recitar Cantando “Ottaviano Alberti” 2011. Ha studiato tra gli altri con: Luciano Pelosi, Claudio Dall’Albero, Bruno Tommaso, Ramberto Ciammarughi, Marco Beasley, Toshio Hosokawa, Wolfgang Mitterer. 
L’attività concertistica spazia dalla musica classica con l’Ensemble Rinascimentale Alcanto, l’Estro Ironico, i Maestri Cantori di San Carlo Borromeo al Tango Argentino, esibendosi con il gruppo di cui è fondatore: il Trio de la Sombra, e nel panorama etnico ottiene molti successi col progetto Marmediterra che avvalendosi della collaborazione di musicisti Senegalesi, Libanesi,Marocchini e Slavi, si propone di filtrare e sintetizzare le matrici musicali del mediterraneo (musica araba, balcanica e popolare del sud Italia) con arrangiamenti sperimentali.
Per il Trio de la Sombra compone ed arrangia tutti i brani del loro repertorio. Sempre nell’ambito del Tango, collabora con le cantanti Sandra Rumolino e Ana Karina Rossi. In ambito Etnomusicologico tiene lezioni – concerto in molte istituzioni tra cui l’Università per Stranieri di Siena con una trattazione sulle similitudini della cantillazione coranica e la melopea dei canti dei minatori siciliani. 
Ha scritto e curato musiche applicate al teatro, alla danza, al cinema e ultimamente compone musiche per video-art e videogames. Ha altresì partecipato in scena come musicista per questi spettacoli. Tra i maggiori: Milonga Merini (2012), Certe notti non accadono mai (2011-2012), Senza nulla a pretendere, fuite zingari che arrivano i teatranti (2011), Le Grand Cafè des Voyageurs – partiture per Umani Universi in transito (2009), Tango Clandestino (2008), Un Giorno Eterno (2008), Le Grand Cafè des Voyageurs (2007).
Dirige stabilmente l’Ensemble Alcanto, il Coro Taschler Voices e altre compagini orchestrali del panorama musicale italiano.

 

Giovanni Campanella, Batterista, pianista e compositore. Ha studiato presso il Conservatorio “L. Perosi” (CB) e in seguito con il M°Umberto Guarino alla “Musicisti Associati” di Napoli, aggiudicandosi due borse di studio.
Come pianista è stato allievo del M°Aldo Tramma, rappresentante indiscusso della scuola napoletana e ha studiato composizione con il M° Francesco Telli, direttore della cattedra del Conservatorio di “Santa Cecilia” e con il M° Vincenzo De Filippo.Si aggiudica il premio Miglior Batterista al Nuoro Jazz Festival 2009 e vince come Miglior Formazione il Piacenza Jazz Festival 2011.
E’ attivo soprattutto in ambito Jazz, affiancando anche una consistente attività in studio come autore e esecutore di colonne sonore e librerie musicali.
Protagonista della scena “Swing” che vive in questo momento il suo periodo migliore, collabora con il duo comico Lillo&Greg nella band Greg&theFrigidaires con cui si esibisce stabilmente a Radio2 e in diversi spettacoli teatrali.Alcune collaborazioni: Tullio de Piscopo, Dario Deidda, Ronnie Cuber, Jerry Weldon, Fabrizio Bosso, Gary Smulian, Giovanni Amato, Max Ionata.